SEI IN > VIVERE REGGIO CALABRIA > CRONACA
articolo

Scarichi illegali e abusi edilizi, 11 imprenditori denunciati nella piana di Gioia Tauro

1' di lettura
48

Ampi controlli in materia ambientale in tutta la Piana di Gioia Tauro, dove i carabinieri hanno condotto un servizio mirato alla prevenzione dell’ecosistema locale, in concomitanza con il periodo di molitura delle olive e produzione dell’olio: denunciati 11 imprenditori

I militari non si sono limitati a verifiche all’interno degli opifici, ma hanno esteso i controlli anche ai terreni agricoli e ai corsi d’acqua limitrofi. Proprio durante uno di questi accertamenti i carabinieri del Nucleo Forestali Parco di San Giorgio Morgeto hanno individuato un impresa dedita all’allevamento di bovini al cui interno era stata realizzata una conduttura abusiva che convogliava i liquami delle stalle direttamente in area boschiva protetta. Per questo motivo i due fratelli titolari d’azienda sono stati denunciati alla Procura di Palmi. Anche a Varapodio i carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Carabinieri Forestali di Cittanova hanno denunciato il titolare di un’impresa di calcestruzzi che, sita nei pressi del fiume Marro, utilizzava uno scarico illegale per sversare in fiumara i materiali di risulta della lavorazione degli inerti.

Da ultimo, i controlli si sono focalizzati anche sul rispetto della normativa edilizia, ambito nel quale sono state riscontrate alcune irregolarità in materia di smaltimento dei rifiuti industriali, con denunce per 8 imprenditori che avevano realizzato opere edili senza le previste autorizzazioni. Fra questi, due allevatori avevano costruito un’intera stalla per il ricovero di suini, in totale spregio dell’impatto ambientale che tale realizzazione ha sull’ecosistema. Per tutti i predetti sono state inoltre contestate sanzioni amministrate per un totale di 220.000 euro circa, connesse all’obbligo di ripristino dei danni ambientali riscontrati. Inoltre, si è proceduto al sequestro preventivo delle aree oggetto di inquinamento.



Questo è un articolo pubblicato il 28-12-2023 alle 16:17 sul giornale del 29 dicembre 2023 - 48 letture






qrcode