SEI IN > VIVERE REGGIO CALABRIA > CRONACA
articolo

Tentato omicidio del 13 ottobre scorso, un arresto

1' di lettura
62

La guardia di finanza di Reggio Calabria ha arrestato il 50enne Emilio Minniti con l'accusa di essere il responsabile del tentato omicidio di Gioiele Carmelo Mangiola, 38enne ferito con alcuni colpi di pistola il 13 ottobre scorso, mentre era ai domiciliari

La misura cautelare in carcere è stata emessa dal gip del tribunale di Reggio su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. L'uomo deve rispondere di tentato omicidio aggravato in quanto reato connesso ad attività mafiosa, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco. La cattura costituisce l’epilogo di un’articolata attività d’indagine coordinata dalla locale Procura ed eseguita dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria, che ha consentito di individuare il presunto autore del tentato omicidio di Mangioli.

Contro l'uomo, che aveva lasciato arbitrariamente la sua abitazione nonostante fosse ai domiciliari, furono sparati alcuni colpi di pistola che lo raggiunsero alla testa. Mangiola riuscì a richiamare l'attenzione di alcuni finanzieri, impegnati in un servizio di controllo del territorio, fornendo loro indicazioni sull'identità degli esecutori dell'agguato, che avevano agito entrambi a viso scoperto. Il 38enne venne ricoverato in ospedale con prognosi riservata ma si ristabilì rapidamente e venne poi dimesso.

I successivi approfondimenti investigativi hanno consentito di ricostruire quanto accaduto, un agguato di stampo mafioso da inquadrare nell'ambito di dissidi tra vittima e aggressore.



Questo è un articolo pubblicato il 13-12-2023 alle 12:59 sul giornale del 14 dicembre 2023 - 62 letture






qrcode