Violenza contro le donne. a Reggio Calabria arriva il reddito di libertà

violenza sessuale stupro 1' di lettura 17/11/2021 - Il reddito di libertà è rivolto alle donne vittime di violenza in condizione di particolare vulnerabilità, sole o con figli minori, seguite dai centri antiviolenza riconosciuti dalle Regioni

"Il Reddito di libertà rappresenta un passo avanti sul terreno dei diritti e della civiltà. E' rivolto alle donne vittime di violenza in condizione di particolare vulnerabilità, sole o con figli minori, seguite dai centri antiviolenza riconosciuti dalle Regioni e dai servizi sociali nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza". Così gli assessori al Welfare e alle Politiche di genere del Comune di Reggio Calabria Demetrio Delfino e Giuggi Palmenta sul provvedimento pubblicato sull'Albo pretorio dell'Ente a seguito della circolare da parte dell'Inps. "L'obiettivo - spiegano i due assessori reggini - è quello di contribuire a sostenerne l'indipendenza economica, con riguardo prioritariamente alle spese per assicurare la riacquisizione dell'autonomia personale e abitativa nonché sostenere il percorso scolastico e formativo dei figli e delle figlie minori. L'ammontare del sussidio economico è pari alla misura massima di 400 euro pro-capite su base mensile per un massimo di dodici mensilità". "L'intervento - concludono Delfino e Palmenta - oltre che essere un aiuto concreto ed un incentivo affinché le vittime denuncino, assume una valenza simbolica considerato che arriva a ridosso del 25 novembre, data da non dimenticare perché celebra la Giornata Internazionale per l'Eliminazione della Violenza contro le Donne".






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 17-11-2021 alle 18:49 sul giornale del 18 novembre 2021 - 103 letture

In questo articolo si parla di cronaca, agenzia, puglia, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cuLS





logoEV